Contributi artigiani e commercianti 2019

person writing on paper on top of table
Photo by Burst on Pexels.com

Qui di seguito gli importi da versare trimestralmente da artigiani e commercianti tenuto conto che il reddito minimale aumenta da Euro 15.710 del 2018 a 15.878 del 2019. L’aliquota ordinaria rimane invariata al 24%.

  • per gli artigiani l’importo è pari a Euro 3.818,16 annui (Euro 3.413,27 per i coadiuvanti con meno di 21 anni) (nel 2018 rispettivamente Euro 3.777,84 e Euro 3.306,54)
  • per i commercianti l’importo è pari a Euro 3.832,45 annui (Euro 3.427,56 per i coadiuvanti con meno di 21 anni) (nel 2018 rispettivamente Euro 3.791,98 e Euro 3.320,68)

Per periodi inferiori all’anno solare il contributo sul minimale verrà rapportato su base mensile.

Tali importi sono ridotti del 50% in caso iscritti con più di 65 anni e che siano pensionati. La riduzione non è automatica ma occorre presentare appostita istanza attraverso il portale Inps.

Il pagamento deve essere effettuato, come sempre, in 4 rate le cui scadenze sono le seguenti:

16 maggio 2019
20 agosto 2019
18 novembre 2019
17 febbraio 2020

Si ricorda che già da qualche anno l’Inps non invia alcuna richiesta nè prospetto presso la sede o la residenza degli interessati e che il versamento avviene a mezzo F24.

Autoliquidazione Inail al 16 maggio

accuracy afternoon alarm clock analogue
Photo by Pixabay on Pexels.com

L’’INAIL ha reso noto che è stato rinviato dal 16 febbraio al 16 maggio il termine per il pagamento dei premi in autoliquidazione 2018-2019 per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali.

La proroga dell’autoliquidazione INAIL è stata disposta dalla Legge di Bilancio 2019 al fine di consentire all’Istituto l’applicazione delle nuove tariffe dei premi oggetto di revisione.

Scheda carburante in pensione dal 01/01/2019

abandoned business classic dirty
Photo by Pixabay on Pexels.com

Dopo il ripensamento del luglio scorso, da gennaio 2019 sarà obbligatoria la fatturazione elettronicaper le cessioni di carburante con la conseguente inutilizzabilità della scheda carburante.

Pertanto per poter dedurre il costo e detrarre l’Iva oltre a utilizzare strumenti tracciabili, obbligo in vigore già dal luglio scorso, sarà necessario ricevere una fattura elettronica per ciascun rifornimento.

E’ possibile comunque fare un contratto di netting con cui il gestore dell’impianto di distribuzione effettua cessioni periodiche o continuative, mediante un sistema di tessere magnetiche, in favore dell’utente finale che quindi riceve la fattura elettronica direttamente dalla società petrolifera.

Quali sono gli strumenti tracciabili da utilizzare per il pagamento che danno diritto alla detrazione dell?iva e deduzione del costo?

  • assegni bancari e postali, circolari e non, nonché i vaglia cambiari e postali
  • bonifico bancario o postale
  • addebito diretto in conto corrente
  • carte di credito
  • carte di debito/bancomat
  • carte prepagate
  • altri strumenti di pagamento elettronico disponibili, che consentano anche l’addebito in conto corrente.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...